Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, cod. Barb. lat. 76

Nome:Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, cod. Barb. lat. 76
Istituzione:Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana
Luogo d'origine:Napoli, Italia
Secolo:XV
Data:1470-1490 ca.
Scrittura:minuscola umanistica


Link

Scheda del codice in Jordanus

Scheda del codice in The Saxl Project

Immagini del codice nel database iconografico del Warburg Institute


Commento

Si tratta di un esemplare di lusso degli Aratea di Germanico, copiato alla corte di Napoli: il f. 1r reca lo stemma di Ferdinando I d'Aragona; le miniature sono molto lussuose e inserite in cornici dorate.

Questo codice deriva dal famoso manoscritto degli Aratea, scoperto da Poggio e più volte copiato durante il Quattrocento. Di tutte le copie, il nostro ms. è probabilmente la più fedele. Da essa possiamo capire che l'originale doveva essere un ms. di epoca carolingia o al massimo ottoniana.

Altre copie dello stesso ms.:
Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, cod. Barb. lat. 77
Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, cod. Urb. lat. 1358
Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, cod. Plut. 89 sup. 43
London, British Library, cod. Additional 15819
London, British Library, cod. Egerton 1050


Contenuto del codice:

ff. 1r-2v: Genus Arati.

ff. 2v-5v: introduzione astronomica (excerpta dagli Scholia Sangermanensia, che traducono materiali di Eratostene). Al f. 3r si trova una carta del cielo.

ff. 6r-66r: Germanici Caesaris Aratea, vv. 1-514, con scolii (Scholia Sangermanensia, che traducono materiali di Eratostene), corredato da 40 immagini di costellazioni entro riquadri.

ff. 66v-68r: bianchi.

ff. 68v-71r: frammenti della sezione successiva degli Aratea di Germanico.

ff. 71v-77r: excerpta dagli Scholia Sangermanensia (che traducono materiali di Eratostene): De Sole et Luna (con immagini dei due pianeti).

ff. 77v-85v: excerpta dal libro XVIII della Naturalis Historia di Plinio.

ff. 85v-86r: breve testo astronomico De polis mundi.

f. 86r: excerptum dal libro XVIII della Naturalis Historia di Plinio.

ff. 86r-100r: una parte del IV libro (§§ 6-14) del De Astronomia di Igino.


Lista delle illustrazioni:
- f. 1r: frontespizio del Genus Arati, con capitale miniata e cornice con lo stemma di Ferdinando I.
- f. 3r: planisfero, a corredo dell'introduzione astronomica degli Scholia Sangermanensia.
- f. 6r: Giove sull'aquila (proemio degli Aratea di Germanico).
- immagini delle costellazioni. f. 9v: Ursae et Draco. f. 12r: Hercules. f. 13v: Corona. f. 14v: Ophiuchus et Scorpius. f. 17r: Bootes. f. 18r: Virgo. f. 21r: Gemini et Cancer. f. 24r: Leo. f. 25r: Auriga et Capella. f. 27r: Taurus. f. 29r: Cepheus. f. 30r: Cassiopeia. f. 31r: Andromeda. f. 32r: Pegasus. f. 33r: Aries. f. 35r: Triangulum. f. 35v: Pisces. f. 37r: Perseus. f. 38v: Pleiades. f. 39v: Lyra. f. 41r: Cygnus. f. 41v: Aquarius et Capricornus. f. 46r: Sagittarius. f. 47v: Aquila et Sagitta. f. 48v: Delphinus. f. 49v: Orion. f. 52v: Canis Maior. f. 55r: Lepus. f. 56r: Argo Navis. f. 57v: Cetus. f. 58r: Eridanus. f. 59v: Piscis Austrinus. f. 60v: Ara. f. 61v: Centaurus. f. 63r: Hydra Corvus et Crater.
- immagini di Sol (f. 73v) e Luna (f. 77v), a corredo della trattazione dei due astri negli Scholia Sangermanensia.
- f. 86r: Austronoto, a corredo del breve testo De polis mundi.




Bibliografia:

Saxl I (1915), pp. 4-5.

A. Borst, Das Buch der Naturgeschichte. Plinius und seine Leser im Zeitalter des Pergaments, In Abhandlungen der Heidelbergen Akademie der Wissenschaften 1994

Id., Dissertationen zum Buchmalerei (1991-1997), In Scriptorium 1999

T. Haffner, Eine antike Himmelsbeschreibung aus der Bibliothek des Kardinals Giovanni d'Aragona, In Scriptorium 1998

M. Quinlan-McGrath, Caprarola's Sala della Cosmografia, In Renaissance Quarterly 1997

G. Toscano, Matteo Felice: un miniatore al servizio del Re d'Aragona di Napoli, In Bollettino d’arte 1995

L. Faedo, Nati ed eletti per li primi governi della Chiesa, In Mitteilungen des deutschen Archaelogischen Instituts, Roemische Abteilung 2001

G. Viré, La transmission du "de astronomia" d'Hygin jusqu'au XIIIe siècle, In Revue d’histoire des textes 1981

K. Lippincott, Two Astrological Ceilings Reconsidered: the "Sala di Galatea" in the Villa Farnesina and the "Sala del Mappamondo" at Caprarola, In the journal of the Warburg and Courtauld Institutes 1990

Testi contenuti

Autore: Fabio Guidetti