Andromeda

Commento astronomico


Una caratteristica della costellazione è che condivide la stella a Andromedae, Alpheraz, quella della testa, con Pegaso (in questo caso si chiama Sirrah,” l’ombelico ”); è una stella di magnitudine 2 e più o meno altrettanto luminose sono b Andromedae, Mirach,” la cintura” e g, Alamak, una doppia costituita da una stella gialla e una blu. L’oggetto più interessante dal punto di vista astronomico è la galassia di Andromeda (M 31 o NGC 244), una galassia a spirale molto simile alla Via Lattea, visibile ad occhio nudo e che fa parte del Gruppo Locale, un ammasso di circa 53 galassie legate fra loro dalla gravità.


Catastersmi e identificazioni mitiche


Questa costellazione rappresenta Andromeda offerta al mostro marino inviato da Posidone contro il regno di suo padre per punire la madre Cassiopea che aveva sfidato in bellezza le Nereidi. E’ raffigurata appunto incatenata in attesa del mostro sotto gli occhi dei genitori e di Perseo, l’eroe figlio di Danae e Zeus, che di ritorno dall’impresa dell’uccisione della Gorgone, la vide incatenata alle rocce, se ne innamorò e la liberò sconfiggendo il mostro e facendola sua sposa.

Immagini antiche della costellazione


http://www.kristenlippincott.com/assets/Uploads/Andromeda-27-Nov-2013-compressed.pdf


Antiche descrizioni della costellazione


Arat., Phaen., vv. 197-204
Aujtou' ga;r kajkei'no kulivndetai aijno;n a[galma
∆Andromevdh" uJpo; mhtri; kekasmevnon: ou[ se mavl∆ oi[w
nuvkta periskevyesqai, i{n∆ aujtivka ma'llon i[dhai:
toivh oiJ kefalhv, toi'oi dev oiJ ajmfotevrwqen
w\moi kai; povde" ajkrovtatoi kai; zwvmata pavnta.
∆All∆ e[mph" kajkei'qi diwlenivh tetavnustai,
desma; dev oiJ kei'tai kai; ejn oujranw'/: aiJ d∆ ajnevcontai
aujtou' peptamevnai pavnt∆ h[mata cei're" ejkeivnh/.

Eratosth., cap. 17
17. ∆Andromevda"

Au{th kei'tai ejn toi'" a[stroi" dia; th;n ∆Aqhna'n, tw'n Persevw" a[qlwn uJpovmnhma, diatetamevnh ta;" cei'ra", wJ" kai; proetevqh tw'/ khvtei: ajnq∆ w|n swqei'sa uJpo; tou' Persevw" oujc ei{leto tw'/ patri; summevnein oujde; th'/ mhtriv, ajll∆ aujqaivreto" eij" to; “Argo" ajph'lqe met∆ ejkeivnou, eujgenev" ti fronhvsasa. levgei de; kai; Eujripivdh" safw'" ejn tw'/ peri; aujth'" gegrammevnw/ dravmati.
“Ecei de; ajstevra" ejpi; th'" kefalh'" lampro;n aV, ejf∆ eJkatevrou w[mou aV, ªdexiou' podo;" bV, ajristerou' aVº, ejpi; tou' dexiou' ajgkw'no" aV, ejp∆ a[kra" th'" ceiro;" lampro;n aV, ejpi; tou' ajristerou' ajgkw'no" aV, ªejpi; tou' dexiou' lampro;n aVº, ãejpi; bracivono" aV, ejpi; th'" ceiro;" aVÃ, ejpi; th'" zwvnh" gV, uJpe;r th;n zwvnhn dV, ejf∆ eJkatevrou govnato" lampro;n aV, ejpi; tou' dexiou' podo;" bV, ejpi; tou' ajristerou' aV: ãtou;" pavnta" kVÃ.


German., Aratea, vv. 201-209

Nec procul Andromeda, totam quam cernere nondum 
 obscura sub nocte licet; sic emicat ore, 
 sic magnis umeris candet nitor ac mediam ambit 
 ignea substricta lucet qua zonula palla. 
 sed poenae facies remanet districtaque pandit 
 bracchia, ceu duri teneantur robore saxi. 
 Andromedae capiti Sonipes supereminet ales. 
 uertice et Andromedae radiat quae stella, sub ipsa

Ptolem., Synt.,