Kastl

Monastero benedettino situato nella regione dell'Alto Palatinato, in Baviera, circa a metà strada tra Norimberga e Ratisbona. Venne fondato nel 1103, sul sito di un complesso fortificato risalente con ogni probabilità ad epoca carolingia, per iniziativa di Luitgarda di Sulzbach, figlia del conte Berengario che governava quell'area. Il casato dei conti di Sulzbach conosceva allora il suo periodo di massimo splendore; Luitgarda ebbe due sorelle imperatrici: Gertrude, moglie di Corrado III, e Berta, che andò sposa a Manuele I. Il monastero di Kastl divenne presto molto potente, fondando a sua volta numerosi nuovi conventi; tra la fine del XIV e l'inizio del XV sec. divenne il centro di un vasto movimento di riforma monastica. Venne soppresso nel 1566, in seguito all'adesione dell'elettore palatino Ottone Enrico di Wittelsbach (a cui il territorio del monastero amministrativamente apparteneva) alla Riforma protestante. Con la ricattolicizzazione della regione, il monastero venne rifondato nel 1636 e affidato ai Gesuiti; dopo la soppressione di quest'ordine, nel 1772, passò infine ai Cavalieri di Malta, che lo tennero fino alla secolarizzazione, avvenuta nel 1808. Attualmente il monastero conserva la chiesa romanica, degli inizi del XII sec., alterata all'inizio del XV sec. con l'aggiunta di volte gotiche e rinnovata alla fine del XVIII sec. in stile barocco; gli edifici monastici vennero invece ricostruiti dopo l'incendio che li distrusse nel 1552.

link:
Wikipedia
Haus der Bayerischen Geschichte