London, British Library, ms. Cotton Tiberius C. I.

Nome:London, British Library, ms. Cotton Tiberius C. I.
Istituzione:London, British Library
Luogo d'origine:Inghilterra (Peterborough)
Secolo:XII
Data:1122 circa
Scrittura:

Ms. pergamenaceo di origine inglese, scritto nel monastero di Peterborough intorno all'anno 1122. L'attuale legatura unisce in realtà 2 mss. distinti, di cui solo il primo (che è quello descritto da Saxl) di argomento astronomico. Si tratta di 42 fogli, che dovevano far parte di un più vasto ms. di computo - secondo Saxl, allo stesso codice appartenevano in origine i 10 fogli di computo del codice London, British Library, ms. Harley 3667. Questo ms. originario, sempre secondo Saxl, sarebbe strettamente imparentato con il codice Oxford, St. John's College, ms. 17, considerato una copia del manuale di computo di Bridferto di Ramsay.

I testi di argomento più strettamente astronomico, a partire dal f. 19 (De nominibus stellarum, Aratea di Cicerone, excerpta da Plinio, Macrobio, Marziano Capella) corrispondono esattamente a quelli contenuti nei codici London, British Library, ms. Cotton Tiberius B. V., London, British Library, ms. Harley 647, London, British Library, ms. Harley 2506.

Contenuto del ms.:

PARTE I: COMPUTO

f. 2r: tabelle computistiche per il calcolo delle feste mobili.

f. 2v: excerpta dal De temporibus di Beda, di argomento computistico (Continentia circuli paschalis, De circulo decennovenali); Eugenio di Toledo, Heptametron de primordio mundi; Excerptum metricum De VIII tramitibus cycli decennovenalis.

ff. 3r-3v: tabelle per il calcolo della Pasqua, riferite agli anni 888-1025, con annotazioni cronachistiche; segue un testo computistico sul calcolo dei regolari nei mesi primaverili.

f. 4r: schema computistico di forma circolare (rota), con annotazioni riguardo ai vari tipi di anno (solare, lunare, comune, etc.).

f. 4v: bianco.

f. 5r: Eccle[sia]stica rota: schema di forma circolare, che mette in relazione elementi naturali e astronomici e raffigurazioni di personaggi biblici - rappresenta l'intreccio fra storia sacra e ordine cosmico.

f. 5v: De duodenario numero, seguito da una rota dedicata al numero 12 (con i nomi degli apostoli, dei patriarchi, dei profeti).

f. 6r: De supputatione ebdomadarum.

ff. 6v-7r: excerptum dal De natura rerum di Isidoro di Siviglia (De partibus mundi); seguono un paio di schemi, una tabella computistica e un excerptum dal Commentarium in Somnium Scipionis di Macrobio (De situ orbis).

f. 7v: Spera Pitagori.

ff. 8r-9v: altre tabelle calendariali, con schemi a forma di rota e rappresentazioni schematiche del corso del Sole e della Luna.

ff. 10r-12v: excerpta dal De natura rerum di Isidoro di Siviglia (De nominibus ventorum, De quinque circulis mundi, De concordia mensium, De positione septem stellarum errantium) e dal XIII libro delle Etymologiae (De circulis caeli), più un altro testo anonimo (De quinque zonis caeli).

f. 13r: ps.-Beda, Argumentum ad nanciscendam feriam secundum antiquos.

ff. 13v-17v: tabelle calendariali, con spiegazioni.

f. 18r: bianco.

f. 18v: tabella aritmetica sul resto della divisione.

PARTE II: ASTRONOMIA

ff. 19r-21r: De nominibus stellarum.

ff. 21v-36r: Marci Tulli Ciceronis, Aratea, cum scholiis, corredati da 26 immagini di costellazioni.

ff. 36r-36v: altri testi astronomici (De concordia solaris cursus et lunaris, De concordia maris et lunae).

ff. 36v-38r: excerptum dal libro XVIII della Naturalis Historia di Plinio (De praesagiis tempestatum).

ff. 38r-39r: excerptum dal Commentarium in Somnium Scipionis di Macrobio (De mensura et magnitudine terrae).

ff. 39r-39v: excerpta dal De nuptiis di Marziano Capella (De mensura lunae, Argumentum quo magnitudo terrae deprehensa est).

ff. 39v-41v: excerpta dal libro II della Naturalis Historia di Plinio (De positione et cursu VII stellarum, De intervallis earum, De absidibus earum, De cursu earum per zodiacum circulum).

f. 41v-42r: Dimensio caelestium spatiorum secundum quosdam.

ff. 42r-42v: excerptum dal Commentarium in Somnium Scipionis di Macrobio (De mundano anno).



Bibliografia: Saxl vol. III (Saxl-Meier 1953), pp. 128-134.

Testi contenuti

Autore: Fabio Guidetti