Cassiopeia

Commento astronomico


Cassiopea è una costellazione circumpolare (cioè che si trova entro un raggio di 42° dal polo celeste), sempre visibile alle nostre latitudini: si trova in posizione opposta rispetto all'Orsa Maggiore.
Le sue 5 stelle più brillanti appaiono nel loro movimento annuale nella volta celeste disposte in una forma a W/M, che la rende molto bene riconoscibile. Questo disegno caratteristico si trova già in sigilli mesopotamici.
Ha due stelle molto luminose, a Cas, Schedar, “il petto” e b Cas, Caph, “la mano”, entrambe di magnitudine 2 e g Cas, Cih, una variabile che oscilla da 1, 6 a 3 magnitudini.
Con la sua stella b Cas, Caph, che si trova a 0 di Ascensione Retta, cioè sul meridiano passante per il punto gamma, Cassiopea è spesso usata come indicatore del tempo siderale. Il tempo siderale indica il tempo che la terra impiega a compiere un giro di 360° rispetto alle stelle; è più breve di circa 4 minuti di un giorno solare e serve per localizzare la posizione delle stelle nel cielo nei diversi momenti.
Cassiopea si trova sulla Via Lattea e nei suoi confini si possono osservare ammassi e galassie.


Catastersmi e identificazioni mitiche



Moglie del re Cefeo e madre di Andromeda Cassiopea sfidò le Nereidi in bellezza. Per punirla Posidone inviò un mostro marino a devastare il suo regno. Per placare il mostro Cassiopea accettò, assieme al marito, di offrigli la figlia Andromeda. E’ rappresentata seduta in trono con le braccia spalancate, come il marito, in un gesto di dolorosa impotenza.